Il cacciatore di gioia

Note un pò stonate come sottofondo a questi sogni usati
corse a perdifiato cercando tra la gente un paio di occhi interessati.
Sorrisi luccicanti con lamette in mezzo ai denti
promesse calcolate mentre resti incantata come i serpenti.
Amori che durano il tempo di una sigaretta
io spremo il tuo povero cuore per poi buttarlo in una cassetta.
Risplendi notte tra luna e stelle
restano i segni a fior di pelle
Io rido e mi godo questo piccolo inferno dove tu sei gioia e io l’eterno inverno.

Ricky

il cacciatore di gioia

Maury

Tu mi hai trovato dove io mi ero perso
in un mondo ormai grigio senza più senso.
Hai seminato di notte dentro i miei giardini l’amore
lo vedo sbocciare sotto il sole che riscalda il mio umore.
Hai raccolto quei pezzi di dolore pungente
che ho messo per difendermi dalla cattiveria della gente.
Mi hai disegnato sul petto un arcobaleno
soffiando via nuvole cariche di scuse che nascondevano il sereno.
Hai provato a capire cosa in me si è spaccato
lasciando il mio disordine come io l’ho creato.
Hai guardato i miei occhi e non ho avuto scampo
perché il tuo dolce sorriso ha cancellato il mio pianto.
Amami piano e senza rumore
per una vita o un giorno o un paio di ore…

Ricky

 

Maury

Leggero

Leggero tra le pagine girate dal vento.
Leggero sulle ali di una fenice senza tempo.
Leggero come il mare che ti sta allagando gli occhi.
Leggero come il mio spirito che vola solo se mi tocchi.
Leggero quel pensiero che non fa più dormire.
Leggero come quel fumo che dentro ti fa morire.
Leggero il tuo camminare tra i miei sogni senza rumore.
Leggero il tuo profumo mentre fai l’amore.
Leggero tra gli affanni e gli inganni della vita.
Leggero canto e rido insieme a te anche in salita.
Leggero mentre mi sussurri che presto saremo in tre.
Leggero mentre vivo ancora il ricordo di me e di te.

Ricky

Leggero

Via da Noi

Ho raccolto i miei pezzi cuciti con fatiche e stelle
per scaldare quell’inverno che nascondi sotto pelle.
Ho riempito il silenzio di musica e parole,
ma ho sentito solo l’eco della tua rabbia e il tuo rancore.
Ho portato la mia luce e il fuoco dove tu ti nascondevi,
ho messo a nudo la mia anima ma ancora tu ridevi.
Mille anni in un giorno e la fatica di sperare
in un domani meno arido con una briciola di amore.
Ho trovato dentro a un sogno quello che non avrai mai,
la gioia delle piccole cose che tu veder non sai.
Ora nascondo dentro le mie rime
quel dolore della parola “fine”
che la tua bocca dopo tutto quel veleno
ha saputo gridare su quel che mai più saremo.
Ma guardami bene mentre vado via,
perché il mio sorriso tra le lacrime lascia la scia…

Ricky

IMG-20141230-WA0000

 

Colmami

Ho cercato di riempire questo buco che ho nel petto,
divertimenti, alcool , notti insonni e qualche caldo letto.
Ho vagato tra i silenzi delle chiese.
cantando, pregando suppliche senza pretese.
Ogni volta che lo guardo lo ricordo come si è creato,
con la pala della rabbia e con la nostra incomprensione si è scavato.
Una sola è la cura ma non è sempre con me,
mi risana ogni dolore e mi ricorda che con te,
in un attimo di vero amore, ho generato con una goccia di vita,
lei che per me sarà per sempre fonte di gioia infinita.
Mi accende il sorriso e ricarica di energia il buono che ho dentro,
riempie quel maledetto buco nel petto e fa esplodere il mio sorriso più dolce che con te si era spento.
Solo con lei rinasco ogni volta felice di sognare,
come una fenice esco dalle mie ceneri e ricomincio ad amare.

RickyColmami

 

Voglio sposarti

Un sogno, forse un incubo, non so cosa sia stato,
cammino tra gli sbagli e le donne del passato.
Mi rivedo con il cuore in mano innamorato dell’amore,
Non aveva importanza durasse anni, giorni oppure ore.
Giovane e stupido, caduto dentro ogni letto
che tra mille piaceri celava un dolore senza darmi sospetto.
Ubriaco tra profumi e notti da consumare,
tra le braccia di chi sapeva come darsi da farmi ballare.
Menzognero fare numeri da mago per avere
ancora un corpo da scaldare, sudare e poi godere.
Messo all’angolo da addii e urla di rabbia contro di me,
calpestato e ancora solo senza capire il vero perché.
Poi l’amore torna e mi dà la mano,
mi consola, mi rivuole e con la sua vita mi porta lontano.
Capire che davvero la gioia non ha nome,
basta donarsi con anima limpida e misurare ogni emozione.
Qui seduto sul mio letto apro gli occhi e so che fare.
Allungo la mano e accarezzo il tuo viso…
Svegliati Amore, oggi ti voglio sposare!

Ricky

Voglio sposarti

Tu ed io

Lacrime come diamanti scendono dal tuo viso,
ti stringo forte al cuore cerco di farti tornare un bel sorriso.
Si cade anche da grandi e il dolore forse è lo stesso,
lo ricordo come fosse ieri, lo vedo nei tuoi occhi adesso.
Ma stai tranquilla e non piangere più,
perché insieme siamo forti e ci consoliamo sempre…io e tu.

Ricky

Tu ed io

Off side

Se ne frega dei tuoi impegni,
sia nella gioia
che nel dolore ti lascia i segni.
Punto i piedi e ti lamenti,
io grido forte e non mi senti.
Perdo per strada parenti e amici,
sorridi e mi dici “pedala…hai voluto la bici!”
Lo specchio mente, questo non sono io,
il tempo è tiranno ma lo ha messo qui Dio!
Cerco di immaginarmi un possibile futuro,
magari senza il mio cuore inchiodato a un muro.
Mi devo dare una calmata e ricordare una cosa:
nel mio giardino cresce una rosa.
Tutto quello che so lo devo tramandare,
ometto gli errori e nascondo il male.
Realizzo solo ora prima che sia finita…
signora morte ha una sorella che si chiama vita!
Quindi dò una sistemata a questi pensieri profondi,
mi accendo un sorriso e che l’allegria abbondi.
La mia corsa continua e comunque vada,
mi trovi ancora qui…sempre sulla mia strada.

Ricky

Off side

Ricordi

Lo ricordo il tempo denso e i corridoi avanti e indietro senza sosta,
il mio parlare un pò nervoso ad una grande pancia…senza risposta.
Ricordo il dolore sul viso di tua mamma,
ad ogni fitta mi diceva “cantagli una ninna nanna!”
Ricordo la stanza, la musica e la vasca piena
le mie mani che stringono una croce appesa a una catena.
Ricordo le spinte e il respirare,
lo stringersi forte e il mio pregare.
Ricordo il tuo viso
e il mio pianto improvviso,
perché il mio cuore sembrava scoppiare
tanta era la gioia di chiamarti “amore!”
Ricordo che la vita è passata di lì
e ci ha lasciato un dono…una bimba così.
Niente al mondo potrà mai cancellare
il giorno in cui ho capito davvero cosa significa Amare.
Ricordi